20 libri di montagna

Abitando da sempre a Livigno e gestendo una libreria che ha un settore montagna ricco e apprezzato, in questo anni ho avuto la possibilità di leggere molti libri in tema. Per questo segnalo venti titoli che a mio parere vale davvero la pena di leggere: perlopiù si tratta di narrativa, ma non mancano le storie vere, i resoconti di viaggio tra la natura, le testimonianze di un mondo travolto dalla modernità e i saggi sul presente e il futuro delle Alpi.

Ecco le mie proposte, specificando che le ho scelte sia in base al gusto personale sia in base all’apprezzamento dei lettori che frequentano la nostra libreria. Ma ci sono tanti altri bei libri di montagna di autori che non ho riportato (Corona, Rigoni-Stern, Rumiz) oltre a diversi titoli usciti di recente – ben accolti da lettori e critica – che non ho ancora letto (autori: Faggiani, Finkel, Kagge).

– Matteo Righetto, La pelle dell’orso, Guanda
– Cheryl Strayed, Wild, Piemme
– Bill Bryson, Una passeggiata nei boschi, Guanda
– Erri De Luca, Il peso della farfalla, Feltrinelli
– Antonio Manzini, Pista nera, Sellerio
– Emmanuel Carrère, La settimana bianca, Adelphi
– Pete Fromm, Indian Creek, Keller
– Paolo Cognetti, Le otto montagne, Einaudi
– Enrico Camanni, L’incanto del rifugio, Ediciclo
– Matteo Righetto, L’anima della frontiera, Mondadori
– Max Frisch, Il silenzio, Del Vecchio
– Reinhold Messner, Salvate le Alpi, Bollati Boringhieri
– Claudio Morandini, Neve, cane, piede, Exorma
– Dino Buzzati, Bàrnabo delle montagne, Mondadori
– Robert Seethaler, Una vita intera, Beat
– Davide Longo, Il mangiatore di pietre, Feltrinelli
– Paolo Cognetti, Il ragazzo selvatico, Terre di Mezzo
– Ernesto Ferrero, Storia di Quirina, di una talpa e di un orto di montagna, Einaudi
– Robert Hultner, La tempesta di neve, Del Vecchio
– Enrico Camanni, La nuova vita delle Alpi, Bollati Boringhieri

Buona lettura!

(L’immagine che accompagna il post è tratta da internet e immortala alcune montagne del Parco Geologico Nazionale Danxia di Zhangye, in Cina)

Condividi questo post

Lascia un commento