15 classici-moderni da leggere senza titubanze

Sfogliando il taccuino nel quale da più di dieci anni trascrivo i titoli dei libri che leggo mese dopo mese, dando a ognuno un mio personale voto, ho pensato di proporre 15 classici-moderni che a mio parere sono da leggere senza titubanze.
Perlopiù si tratta di titoli molto conosciuti, quasi tutti scritti tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, libri che senz’altro molti di voi – come me – hanno letto alle scuole superiori o negli anni dell’università.
Ma se così non fosse, questi classici si possono leggere a ogni età perché, come si sente dire spesso, sono ancora attuali, sono imperdibili per un lettore curioso e, soprattutto, rappresentano dei capisaldi della letteratura mondiale.

Dunque ecco l’elenco, ordinato in base al mio gusto:

1 Jack London, Zanna Bianca, Einaudi
2 Dino Buzzati, Il deserto dei Tartari, Mondadori
3 Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta, Adelphi
4 George Orwell, La fattoria degli animali, Mondadori
5 Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare, Mondadori
6 Herman Melville, Bartleby lo scrivano, Feltrinelli
7 Ray Bradbury, Fahrenheit 451, Mondadori
8 Bertolt Brecht, Vita di Galileo, Einaudi
9 Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal, Mondadori
10 Fedor Dostoevskij, Il giocatore, Einaudi
11 Joseph Conrad, Cuore di tenebra, Einaudi
12 Thomas Mann, Padrone e cane, Feltrinelli
13 J.D. Salinger, Il giovane Holden, Einaudi
14 Robert Louis Stevenson, Lo strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde, Einaudi
15 Rudyard Kipling, Il libro della giungla, Feltrinelli

È giusto anche precisare che questo elenco non è per nulla esaustivo, perché esitono altre centinaia di classici-moderni che sono da leggere senza titubanze. Forse un giorno ve ne proporro alcuni. Ma intanto buona lettura.

Condividi questo post

Lascia un commento